domenica , 23 settembre 2018

Home | Gatti | Il gatto non usa la lettiera
lettiera gatti

Il gatto non usa la lettiera

La prima cosa da dire è che i gatti, se non usano la lettiera, non stanno facendo un dispetto al proprietario. Il concetto di dispetto, nel mondo animale, non esiste. Piuttosto stanno esprimendo un disagio, che può avere diverse ragioni e che sempre vanno indagate sin dai primi, seppure sporadici, episodi. Intervenendo tempestivamente e in maniera accurata si eviterà che il comportamento si sedimenti e diventi un’abitudine.

Ragioni frequenti per cui il gatto non usa la lettiera

Sono molteplici le ragioni che possono portare il micio di casa a non usare la lettiera:

  • Malattie alle vie urinarie o intestinali;
  • Cassettina sporca, che è anche la motivazione più frequente. I gatti odiano la sporcizia e una cassettina non pulita frequentemente (una volta al giorno) per loro equivale a un nostro bagno sporco, che la maggior parte degli esseri umani non utilizzerebbe mai. Il gatto neanche.
  • Tipologia di lettiera, che a volte ha un profumo troppo forte, oppure il tipo di cassettina che non è delle dimensioni adeguate per il gatto. Anche che la cassettina non si trova in una posizione che fa stare il micio tranquillo.
  • Il gatto viene disturbato quando va a fare i bisogni, perché magari ci sono altri animali dominanti o perché la cassettina è in un punto di passaggio o molto rumoroso o anche vicino alla ciotola del cibo.
  • L’associazione della cassetta con eventi stressanti o negativi.

Cosa fare se il gatto non usa la lettiera

  • Per prima cosa pulire con regolarità la cassettina, cambiando la sabbietta e pulendone il fondo con prodotti appositi e rivi di ammoniaca.
  • Evitare le punizioni, il gatto non le capirebbe e potrebbe sentirsi ancora più stressato, tanto che il problema potrebbe peggiorare.
  • Lasciare che il gatto marchi il territorio, senza usare prodotti chimici per pulire le zone che lui ritiene sue. Le azioni di marcatura per il gatto sono i graffi, perciò bisogna lasciargli a disposizione un tiragraffi, e i feromoni che lasciano sul mobilio strusciandosi.
  • Cambiare la tipologia di cassettina e di sabbietta, provando a cambiarne anche la posizione.
  • Non pulire casa con prodotti a base di candeggina o ammoniaca, per il gatto equivale all’odore di un altro gatto e potrebbe volerlo coprire con il proprio odore.

 

© Riproduzione riservata