mercoledì , 19 settembre 2018

Home | Gatti | Curiosità | Gatti Siberiani, la scelta per chi soffre di allergia

Gatti Siberiani, la scelta per chi soffre di allergia

Potremmo definire Maddalena Rendine una donna “Siberianocentrica”. Lei stessa ci spiega il perché.

“Sarà per il fatto di aver trascorso così tanto tempo, ogni giorno, studiando questa razza, informandomi sulla nascita, sulla sua storia, sulle origini, sulle sue peculiarità”, precisa lei, “nel ricercare quasi avidamente esperienze documentate, storie, persone che parlassero di loro, dei gatti Siberiani”. E ancora: “Nello studiare la genetica felina, le principali malattie feline, i loro vettori e modi di trasmissione, come curarle e come prevenirle. Quando si trascorre ogni giorno con sete di conoscenza sognando fra queste notizie, senza apparentemente sapere il “perché”, bisogna solo cambiare domanda, la risposta è già davanti ai nostri occhi”.

Non c’è dubbio che chi ha a che fare con i gatti Siberiani, per passione, o magari perché può “permettersi” solo loro, causa allergia, può certo prendere in considerazione i preziosi consigli di Maddalena Rendine, allevatrice amatoriale. E non a caso – il destino a volte ci mette lo zampino – il suo primo gatto è stato proprio un cucciolo simil-Siberiano, di circa tre mesi, color silver, trovato per strada sotto la pioggia, quando lei aveva diciassette anni.

“Per un po’ me lo hanno lasciato tenere a casa, poi, lo ha felicemente adottato la mamma di una mia amica, purtroppo a me non era concesso poter avere gatti a casa”, ricorda Maddalena, che aggiunge: “Sarà anche per questa ragione che quando se ne è presentata l’opportunità, l’amore per queste creature si è trasformato nel sogno di realizzare qualcosa di più grande e concreto, con la speranza di poter offrire a la fortuna di avere un gatto con sé per problemi di allergie, almeno l’opportunità che ciò fosse invece concretamente possibile”.

Maddalena, quali garanzie chiede a una persona che intende prendere un suo cucciolo?

Come una mamma chioccia, sono molto esigente nella scelta delle future famiglie dei miei cuccioli, la priorità ce l’hanno le persone che mostrano sensibilità e affetto, quelle che sanno dare al cucciolo il giusto livello di importanza, non un peluche, non un giocattolo da trattare come un oggetto o soprammobile, ma un essere vivente che farà parte della famiglia per almeno 15-20 anni, un membro della famiglia verso cui rivolgere le attenzioni e l’affetto che si merita, il quale saprà ripagare in doppia misura.

Chi è il padrone ideale?

Il padrone ideale, è la persona che sa garantire attenzioni e affetto, premuroso e paziente, che nella vita sa dare più importanza agli affetti che alle cose, gli oggetti si aggiustano o si ricomprano, gli oggetti sono suppellettili inanimate senza vita, le vite sono cose ben più preziose che vanno curate e nutrite ogni giorno, che sapranno donarci momenti indimenticabili e ricordi indelebili.

Che consiglio dà a chi decide di prendere un cucciolo del suo allevamento?

Semplicemente di venirli a conoscere. Chi realmente vuole un Siberiano, dopo averli visti, difficilmente riesce ad andar via senza aver scelto almeno uno di loro. Per me è fondamentale che il gattino vada a stare bene, con persone che lo amino, e che mi ispirino fiducia a pelle. Se c’è questo, ogni altro problema trova rimedio e soluzione, prezzo compreso.

EVALUNA SIBERIAN CATTERY

EVALUNA Siberian Cattery è un allevamento riconosciuto dal World Cat Federation, ed è socio AFSI, circuito WCF e ANFI (circuito FIFe) con affisso in AFSI. Alleviamo gatti di alta genealogia, scelti con molta accuratezza in ogni minimo dettaglio. Tutti i nostri gatti sono FIV-FeLV-FeCV- PKD- HCM negativi. Portiamo molta cura e attenzione al benessere dei nostri mici e allo loro crescita per migliorare il loro apporto nutritivo, rinforzare le loro naturali difese immunitarie e crescere nel gioco e nell’armonia. Le possibili colorazioni sono tradizionali Brown, Silver, Golden, Cream, Bimetallic (Black Golden, Silver).

di Maria Paola Gianni

©Riproduzione riservata

© Riproduzione riservata