venerdì , 17 agosto 2018

Home | Cani | Il 57° Premio Internazionale Fedeltà del Cane
premio fedeltà

Il 57° Premio Internazionale Fedeltà del Cane

Il 16 agosto prossimo si terrà il Premio Internazionale Fedeltà del Cane

Come ogni anno, San Rocco di Camogli, sarà lo scenario della 57 edizione del premio.
Tra una settimana, saranno premiati alcuni tra i tanti cani eroici che si sono distinti quest’anno.
Molti sono i casi segnalati dalla giuria, tra loro ci sono Cherie, Margot e Tobia, tre autentici eroi. Cherie ha sfidato le fiamme

Se non fosse stato per Cherie, una piccola Yorkshire di 7 anni, Clara, la sua padrona, non sarebbe viva.
Invece la cagnolina, accortasi dell’incendio che stava distruggendo l’appartamento di Albisola, l’ha svegliata.
Così la signora ha avuto il tempo di raggiungere il balcone più vicino e chiamare aiuto.

Margot ha protetto le sue padroncine nel bosco

La pitbull di 5 anni dallo sguardo dolce, ha protetto e scaldato con il suo corpo le sue padroncine, Adele ed Elisabetta.
Le piccole, due gemelle di 4 anni, si sono perse nei boschi della provincia di Udine, e lei non le ha mai lasciate sole un solo istante.
Quando il buio è sopraggiunto, si sono sedute sul ciglio di una piccola scarpata e Margot non si è mossa fino all’arrivo dei soccorsi.

Tobia si è accorto della crisi

Il piccolo chihuahua ligure, ad appena 3 anni ha saputo riconoscere un attacco di diabete.
Il suo padrone ha avuto una crisi e, il quattro zampe, ha saputo come reagire, nel migliore dei modi.
Ha svegliato i figli e gli ha salvato la vita.

premio fedeltà

Anduril e Takoda: fisioterapisti a quattro zampe

I due pastori svizzeri bianchi, zio e nipote, collaborano con il Centro Clinico NeMo di Arenzano, nei pressi di Genova.
Aiutano i pazienti affetti da malattie neuromuscolari a fare gli esercizi.
La loro vicinanza, nell’ambito del progetto “ConFido: 4 zampe in corsia”, conferisce molti effetti positivi a chi sta seguendo un percorso fisioterapico.
Gli specialisti hanno accertato che, rispetto al trattamento tradizionale, chi ha lavorato con i cani è meno ansioso.
E poi ha un equilibrio migliore, riesce ad alzarsi meglio da una sedia e a cambiare più velocemente direzione mentre cammina.

Tante storie d’amore e di dedizione

La giuria, ogni anno, seleziona una serie di situazioni meritevoli del premio.
Quest’anno ci saranno ricoscimenti anche per i cani che operano in ambiente socio-sanitario.
I riflettori saranno puntati anche su Omix, il pastore tedesco di 9 anni addestrato dai Carabinieri.
Il cane ha trovato esplosivi, armi e munizioni nascosti illegalmente.
Non mancheranno i momenti toccanti come quando sarà la volta di premiare Scheggia, che ha vegliato la sua padrona senza vita per un giorno e mezzo.
(Ora Scheggia è stata adottata da Francesco, un volontario della Croce Verde).
Oltre alla presentazione delle storie e alla consegna dei premi, alle 18 si terranno la lettura della preghiera del cane e la benedizione.

di Claudia Ferronato

© Riproduzione riservata