giovedì , 16 agosto 2018

Home | Attualità | Petizione di Animalisti Italiani: fermiamo la vendita degli animali nei negozi

Petizione di Animalisti Italiani: fermiamo la vendita degli animali nei negozi

Acquisto degli animali nei negozi: una “moda” desueta e inaccettabile. Gli esseri viventi non hanno un prezzo. Ogni animale prova sentimenti tali e quali a quelli di ognuno di noi e noi non abbiamo alcun diritto di acquistare la vita di qualcun altro. Gli animali non ci scelgono in base al prezzo che abbiamo legato alla gamba o intorno al collo. Non vengono a cercarci dentro i negozi. Non chiedono sconti. Ci amano e basta.

Ivana Spagna, testimonial d’eccezione

Ivana Spagna, con la sua simpatia e la sua sensibilità, ha sposato la causa degli Animalisti Italiani prestando il suo volto alla campagna per sensibilizzare le coscienze di tutti coloro che credono ancora sia “divertente” mettere un animale dentro un pacco regalo. Il regalo più importante è la vita, che non si compra.

La concezione che ad ogni essere vivente, non umano, si possa o si debba addirittura dare un prezzo, va fuori da qualsiasi logica di un vivere civile e rispettoso. Fin dall’antichità, l’uomo si è arrogato il diritto di quantificare, in termini economici, il valore di un animale di qualsiasi razza. Tutto questo, oggi, per una società che vuole essere, o dice di voler essere, moderna ed evoluta, non è più accettabile. Condividere la propria casa con un cane, un gatto o qualsiasi altro esemplare possibile, è una delle cose più belle del mondo. Ricevere amore incondizionato sempre, ogni giorno, a prescindere da come sia andata la nostra giornata al lavoro, è il sogno di ogni essere vivente. Amore incondizionato: di questa parola ci dimentichiamo, un po’ troppo spesso.

“Fermiamo insieme la vendita degli animali nei negozi”. È l’ultima campagna degli Animalisti Italiani, con a fianco Ivana Spagna. Gli esseri viventi non hanno un prezzo e noi non abbiamo alcun diritto di venderli o di acquistarli. Gli animali trasmettono sempre amore “incondizionato”, perché non lo misurano con i soldi. Quando un animale “sceglie” il suo compagno umano gli corre incontro e gli trasmette la sua gioia di trascorrere il tempo insieme. A lui non importa se il suo “genitore adottivo” è bello o brutto, se è ricco o povero, se è famoso o sconosciuto. Loro ci amano per quello che siamo, ci accettano senza condizioni. E noi da loro dobbiamo imparare tutto questo. Noi non siamo nessuno per stabilire il prezzo con cui “comprare” la vita di un altro essere vivente. Ricordiamocelo. Tutti.

© Riproduzione riservata