venerdì , 17 agosto 2018

Home | Attualità | Il cane chiuso in auto sotto il sole? Ecco come si giustifica chi l’ha fatto…
cane chiuso in auto

Il cane chiuso in auto sotto il sole? Ecco come si giustifica chi l’ha fatto…

Non si lascia mai un cane chiuso in auto sotto al sole.

cane chiuso in auto

La Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals è un  importante ente di beneficenza attivo in Inghilterra e nel Galles per promuovere il benessere degli animali.
Dopo anni di campagne, realizzate per mettere in guardia le persone dal pericolo mortale di lasciare un cane chiuso in un’auto, da solo, la RSPCA ha divulgato alcune delle scuse più assurde fornite da chi, invece, l’ha fatto.
E’ pazzesco pensare che esista una spiegazione.

 

Ma diamo un’occhiata a cosa ha detto la gente, per cercare di giustificarsi di fronte agli ispettori.

  • Il mio cane è bianco, sta bene.
  • Stanno bene, stanno sorridendo? (I cani non sorridevano, ma ansimavano)
  • Quando ho parcheggiato qui c’era l’ombra, non posso farci niente se l’ombra si sposta
  • Se lo lascio da solo a casa, il cane abbaia disturbando i vicini
  • Siamo scesi un attimo solo per comprare una nuova cucina
  • Ci sentiamo in colpa lasciandolo a casa da solo tutto il giorno
  • Ho organizzato un “open day” per vendere la casa, il cane sarebbe stato d’intralcio
  • Va tutto bene, sono un veterinario
  • Non è da solo il mio cane, vede? C’è mio figlio con lui. (In questa occasione il bambino aveva 5 mesi ed era legato a un seggiolino)
  • Ho lasciato il finestrino aperto
  • Non pensavamo di assentarci dall’auto tanto a lungo (Erano stati alla messa della domenica)
  • Sono stato al pub solo mezzora, comunque è tutto a posto, gestisco un centro di soccorso per cani

cane chiuso in auto

Ripetiamo che non esiste alcun motivo valido, oppure una scusa che possa giustificare il fatto di aver lasciato un cane chiuso in auto, sotto il sole cocente, mettendo a rischio la sua vita.
E non accade solo nelle giornate più calde: le temperature possono salire rapidamente nell’interno di un veicolo. Quando fuori ci sono 22°, la temperatura dentro all’abitacolo può, in un’ora, raggiungere i 47° e questo può portare alla morte dell’animale.

Tra i più evidenti sintomi del colpo di calore: il cane ansima, sbava, è letargico o scoordinato, collassato o vomita.
In caso vi capitasse di vedere un cane in sofferenza dentro a un’auto è necessario rivolgersi alla Polizia Municipale del luogo in cui ci si trova, alle forze dell’ordine oppure a un numero d’emergenza.

Approfondimento:
RSPCA

di Claudia Ferronato

© Riproduzione riservata