Home | Cani | Nocciolino il Maremmano fuggitivo terremotato cerca famiglia a Norcia.
nocciolino, pastore maremmano, terremoto, fuga

Nocciolino il Maremmano fuggitivo terremotato cerca famiglia a Norcia.

La storia di Nocciolino ha fatto il giro del web, ne parlano tutti i media.
La novità è che, finalmente, la storia travagliata cane, un incrocio tipo Maremmano, sembra giunta a una svolta decisiva.
Ma riassumiamo prima le vicende che riguardano questo cane, una vera e propria vittima del sisma.
Dopo il terremoto del 2016 il cane ha deciso di trasferirsi a Norcia, lasciando Todiano dove ha vissuto in precedenza.
Si tratta di un animale solitario, e questa sua caratteristica si è acuita con la morte del suo amico umano di una vita, Lamberto, mancato 5 anni fa.

nocciolino, pastore maremmano, terremoto, fuga

Da allora era stata una signora ad accudirlo, anche se non era mai riuscita ad avvicinarlo.
Dopo la scossa dell’ottobre del 2016, Nocciolino ha deciso di trasferirsi in quello che gli appariva un luogo più sicuro, la zona industriale di Norcia.
Stavolta sono stati i militari che si occupavano dell’emergenza dopo il terremoto, ad occuparsi di lui e a nutrirlo.
Poi si era spostato in un’altra zona, dove alcuni commercianti lo avevano preso a cuore, sfamandolo.

Dopo alcune segnalazioni dei cittadini al servizio veterinario dell’Usl locale, si era anche tentata la cattura ma senza riuscirci.
Una signora di Cesena, arrivata a Norcia per visitare la città, si era attivata per l’adozione, così nel giugno scorso, utilizzando il sonnifero, il servizio veterinario lo aveva catturato.
Trasferito a Foligno, in attesa della definitiva adozione, il cane però, qualche giorno fa, è riuscito a scappare e tornare a Norcia, percorrendo 60 km in una settimana.
A questo punto i residenti e i commercianti della zona chiedono di farlo restare, in prima linea c’è un commerciante di Monteleone di Spoleto, Stefano Proietti, animalista ed esponente del WWF.
Proietti chiede per lui una vita come cane di quartiere, arrivando a pensare alla cittadinanza onoraria.

nocciolino, pastore maremmano, terremoto, fugaIl commerciante ha anche lanciato una petizione on line con l’hashtag #nocciolinolibero che, a oggi, ha superato le 1000 firme.
Il Sindaco di Norcia, Nicola Alemanno, ha però spiegato che non è possibile conferire al cane la cittadinanza onoraria.
Prospetta piuttosto di individuare una famiglia del luogo che lo adotti, dopo averne accertato lo stato di salute e l’eventuale necessità di cure presso i veterinari dell’Usl.
Solo a quel punto potranno essere avviate le pratiche per l’adozione.
La notizia del giorno è che sono stati rintracciati i parenti più prossimi del defunto proprietario di Nocciolino, quindi si spera che possa restare in famiglia.
Proietti, d’altro canto, è disponibile a intestarsi il cane, sostenendo le eventuali spese e stipulando anche una polizza assicurativa, per concedergli di trascorrere la vita libero, come lo è stato finora.

di Claudia Ferronato

 

© Riproduzione riservata