martedì , 27 giugno 2017
Home | Gatti | Razze | Sphynx: il gatto “nudo”
Sphynx

Sphynx: il gatto “nudo”

Razza: Sphynx Origine: 1966, America del Nord, Europa
Ascendenza: comuni gatti domestici senza pedigree
Peso: 3,5 – 7 kg
Ibridazioni: gatto domestico, Europeo, American Shorthair
Temperamento: vivace, espansivo, affettuosissimo, addirittura un po’ pressante

Affettuosissimo, addirittura pressante, e poco felino, morbido e caldo al tatto, ma privo di una soffice pelliccia, lo Sphynx non piace a tutti. I suoi sostenitori sono però assolutamente entusiasti del look e del carattere di questo insolito quattro zampe domestico.

Oltre che per il corpo praticamente glabro e per le rughe della pelle, particolarmente evidenti intorno alle spalle, al muso e alle caratteristiche orecchione nude, l’aspetto di questo gatto si distingue anche per le zampe grandi, con cuscinetti molto sviluppati.

Impegno e cure mediche

Nonostante la sua apparente fragilità, è un animale sano e robusto, solo particolarmente sensibile al freddo: non va tenuto sotto una campana di vetro, ma, semplicemente, in un ambiente che abbia una temperatura confortevole. Per questo motivo, oltre che per l’indole estremamente domestica, deve vivere in casa, dove può trovare copertine, cucce, divani e tutto il necessario per riposare nel tepore casalingo.

Allegro, vivace e amante del gioco, deve avere a disposizione anche spazi e strutture che gli consentano di saltare, arrampicarsi e correre. La lunga selezione prettamente domestica ha fatto di lui un gatto ‘poco felino’, che non si può lasciar scorrazzare liberamente sul balcone, perché alla prima farfallina potrebbe buttarsi di sotto (meglio quindi dotare finestre e balconi di robuste reti di protezione).

Impossibile insegnargli a non dormire sul letto, a non saltare sui mobili di cucina, a non mangiucchiare le pagine del libro mentre si legge, a non strusciarsi sul viso delle persone per manifestare tutto il suo affetto, a non lamentarsi se lo si lascia a lungo da solo.

In più, chi sceglie di vivere con uno Sphynx non si troverà divani e poltrone pieni di peli, ma dovrà convivere con la sua secrezione oleosa. La pelle di questo gatto ha infatti una produzione sebacea che, non essendo assorbita dal pelo, va tenuta sotto controllo con un bagno ogni 15-30 giorni e con una delicata pulizia quotidiana, perché una scarsa igiene provocherebbe l’insorgenza di cattivi odori e untuosità della pelle. Bisogna lavarlo con un sapone neutro per neonati e poi asciugarlo delicatamente, tamponando con un asciugamano morbido, senza strofinare la cute.

Socialità dello Sphynx

Molto intelligente e sensibile, adora stare con le persone e con gli altri animali domestici: gradisce qualsiasi genere di compagnia, perché detesta rimanere solo e vuole essere oggetto di continue attenzioni. È quindi adatto solo a chi cerca un gatto piuttosto invadente e indiscreto, che partecipa intensamente alla vita della famiglia, di cui si sente membro a tutti gli effetti, considerandosi il ‘piccolo’ di casa, e che vuole sempre avere l’ultima ‘parola’ su ogni cosa.

Prima di adottare un cucciolo di questa razza, è dunque il caso di chiedersi se si è davvero disposti a lasciarsi possedere e schiavizzare da lui.

Di Giulia Settimo (riproduzione vietata)

Potrebbe interessarti

Scegliere un gatto

Scegliere un gatto: quale sarà il più adatto?

Una scelta consapevole, sicura e definitiva, grazie a un’attenta lettura del loro comportamento in base alla razza.