mercoledì , 16 agosto 2017
Home | Gatti | Razze | Burmese: vestito di zibellino
burmese

Burmese: vestito di zibellino

Razza: Burmese
Origine: Birmania (Myanmar)
Ascendenza: gatti dei templi, ibridi di Siamese
Peso: 5-6 kg per il maschio, 3-4 kg per la femmina
Ibridazioni: nessuna
Temperamento: socievole, affettuosissimo, intraprendente e curioso

Quasi sconosciuto in Italia, il Burmese è estroverso, dolce e affettuoso. Secondo un’antica leggenda proviene dai monasteri della Birmania, dove vegliava sulla vita dei monaci e poteva addirittura dialogare con gli dei. I suoi modi estremamente garbati gli fanno conquistare subito l’affetto di chi lo accoglie in casa.

Impegno e cure mediche del Burmese

Il Burmese è un gatto tendenzialmente sano e robusto, ma, poiché teme i colpi di freddo e il clima umido, nella brutta stagione è meglio non lasciarlo uscire di casa.

Particolarmente estroverso, dolce e affettuoso, il Burmese cerca sempre la compagnia e mal sopporta la solitudine. La sua personalità si avvicina molto a quella del cane nel voler essere l’ombra del padrone, nel desiderio di dare e ricevere affetto. Ama essere preso in braccio e accarezzato, adora acciambellarsi sul letto, persino sotto le coperte, o semplicemente sopra il suo umano preferito.

Chi trascorre molte ore fuori casa e ha poco tempo da dedicargli, dovrebbe perciò procurargli un compagno con il quale condividere i momenti di svago. Per la sua indole socievolee affettuosa, questo gatto è adatto a chi cerca un vero animale da compagnia, non solo giocherellone, ma sempre desideroso di coccole e contatto fisico.

Curioso, intraprendente, a volte fin troppo amichevole e fiducioso, questo splendido micio deve essere tenuto il più possibile al sicuro tra le mura domestiche, per evitare che possa scappare, cacciarsi in qualche guaio o essere addirittura vittima di ‘rapimento’. Bisogna fare attenzione soprattutto alle finestre, perché essendo molto atletico, ottimo cacciatore e un po’ spericolato, se vede un uccellino può magari tentare di prenderlo al volo.

D’altronde il Burmese sa apprezzare la vita casalinga e riesce a trovare anche in un appartamento cittadino continue occasioni di svago: gli piace arrampicarsi sui mobili, per controllare dall’alto le attività della famiglia, ed è capacissimo di aprire porte e armadi, per ispezionarne accuratamente gli angoli più reconditi.

Socialità del Burmese

Le sue nobili origini sembrano trasparire perfino dal portamento e dai modi estremamente garbati: dolcissimo, intelligente, ubbidiente e giudizioso, per nulla aggressivo, riesce subito a conquistare l’affetto di chi lo accoglie nella propria casa.

Le moderne conoscenze genetiche hanno comunque dimostrato inequivocabilmente la sua stretta parentela con il Siamese, rivelata del resto anche dall’aspetto fisico. Come il Siamese, ha una spiccata personalità, è intelligente e vivace, ama moltissimo la compagnia delle persone e la vita casalinga. È però meno ‘appiccicoso’ e ha una voce decisamente più dolce e gentile, un elemento da non sottovalutare quando si ha a che fare con un gran chiacchierone, che nel periodo del calore si abbandona volentieri a gorgheggi e vocalizzi.

Gli piace moltissimo ‘aiutare’ nelle faccende domestiche e sovrintendere alla lettura o scrittura di un pezzo di carta (sedendocisi sopra). Assai vivace da piccolo, rimane un gran giocherellone anche in età adulta ed è capace di ricorrere ai più svariati stratagemmi per attirare l’attenzione dei suoi familiari.

Accetta volentieri la convivenza con altri animali: con il suo carattere esuberante e coraggioso, riesce a imporsi rapidamente sui suoi simili e apprezza anche la compagnia dei cani, di cui non ha il minimo timore.

Con il suo carattere dolce, mai aggressivo, è un perfetto compagno di giochi anche per i bambini ed è il gatto ideale per chi deve affrontare spesso viaggi o spostamenti, perché in auto, in treno o in aereo si comporta benissimo. Chi invece dei felini apprezza soprattutto il carattere autonomo e indipendente farà meglio a scegliere un altro gatto.

Pelo del Burmese

Oltre che nel carattere, il segreto del suo fascino particolare è nel raffinato mantello, corto, fine e lucido come seta, di un caldo colore marrone scuro, e negli occhi dolci,molto espressivi, di un intenso colore giallo ambra. Nella tonalità più diffusa, la sua pelliccia, serica e morbidissima, ricorda molto quella dello zibellino, un piccolo mustelide originario della Siberia.

Sappiamo che in un antico manoscritto, conservato tuttora nella biblioteca di Bangkok, sono accuratamente raffigurati gatti di varie razze, tra le quali uno di colore ramato, molto simile a lui.

Il suo mantello molto corto e setoso non richiede cure particolari: per rimuovere tutto il pelo morto, basta passarlo una volta la settimana con l’apposito guanto a denti di gomma o con una pelle di daino leggermente inumidita.

Di Giulia Settimo (Riproduzione vietata) Foto di Roberto Della Vite

About QZlife

Potrebbe interessarti

Scegliere un gatto

Scegliere un gatto: quale sarà il più adatto?

Una scelta consapevole, sicura e definitiva, grazie a un’attenta lettura del loro comportamento in base alla razza.