mercoledì , 26 aprile 2017
Home | Gatti | Razze | Blu di Russia: come Monna Lisa
blu-di-russia

Blu di Russia: come Monna Lisa

Razza: Blu di Russia
Origine: prima del XIX secolo
Ascendenza: gatti domestici
Altri nomi: Blu Arcangelo, Russo a pelo corto
Peso: 3 – 5,5 kg Ibridazioni: nessuna
Temperamento: vigile, un po’ riservato, prudente

Fascino orientale, forza e naturale eleganza si fondono armoniosamente nella struttura fisica del Blu di Russia. Il suo corpo è longilineo, ma muscoloso. La testa ha un che di aristocratico e dolce al tempo stesso. Gli occhi, di taglio orientaleggiante, sono di un bel verde smeraldo, intenso e luminoso. I fan del Blu di Russia lo hanno addirittura paragonato a Monna Lisa, per la particolare espressione del muso, vagamente enigmatica e con gli angoli della bocca piegati all’insù, come in un sorriso appena accennato.

Impegno del Blu di Russia

Calmo, equilibrato, pulito, ama la vita tranquilla ed è molto sensibile all’umore del padrone.
Affascinante e ricercato, ma non per questo difficile da accudire, l’aristocratico gatto blu non richiede dunque attenzioni particolari, né ha bisogno di grandi spazi. Allegro e molto vivace da cucciolo, più pacioso e tranquillo in età adulta, è un perfetto animale da appartamento, capace di apprezzare fino in fondo tutti gli agi della vita domestica.

Cure del Blu di Russia

Appartenendo a una razza naturale, conserva le caratteristiche di robustezza dei gatti cresciuti in libertà e non ha quindi bisogno di cure particolari.

Autentico ‘bon vivant’, è però molto goloso e tende facilmente a ingrassare, perdendo così la sua linea aggraziata. Soprattutto se è sterilizzato, non bisogna assecondarlo nelle sue eccessive richieste di cibo, concedendogli semmai diversi pasti leggeri nell’arco della giornata

È robusto e sopporta bene il freddo, ma non ama vivere all’aperto: l’inverno, piuttosto che andare a caccia nella neve, preferisce senz’altro riposarsi al calduccio, vicino al calorifero o davanti al caminetto acceso.

Socialità del Blu di Russia

Dolce e affettuoso, molto espansivo con i suoi familiari è più restio a interagire con gli estranei; detesta il chiasso e la confusione, perciò non è adatto alla compagnia di bimbi troppo piccoli e vivaci. Può rimanere solo per molte ore, senza soffrirne. Amante delle coccole e molto legato al padrone, è il compagno ideale delle persone serene, equilibrate, affidabili e beneducate, che non lo disturbino continuamente e sappiano rispettare la sua privacy.

A lunghe “pause di meditazione” alterna ogni tanto momenti di grande eccitazione: trascorre ore ed ore nell’ozio più assoluto, poi, all’improvviso, viene preso dalla smania di giocare, correre, saltare.

Accetta di buon grado anche la presenza di altri animali, a condizione di essere però sempre al centro dell’attenzione. Diversamente, sentendosi trascurato, non risparmierebbe ai suoi familiari capricci e “dispetti” (come fare pipì fuori dalla lettiera o buttare a terra oggetti).

Pelo del Blu di Russia

Il ricco mantello morbido e lucente, che madre natura gli ha fornito per affrontare ben equipaggiato il clima rigido del suo paese di origine, ha una particolarissima e raffinata nuance grigio-blu, spruzzata di riflessi argentati.
Il perlo del Blu di Russia è corto e setoso e si tiene in ordine molto facilmente: basta spazzolarlo o passarlo con un guanto a denti di gomma una o due volte la settimana, un po’ più spesso nel periodo della muta.
Vero maniaco della pulizia il Blu di Russia, dedica moltissimo tempo alla cura della sua magnifica pelliccia.

Di Giulia Settimo (riproduzione vietata)
Foto di Roberto Della Vite

Potrebbe interessarti

Gatti di razza

Gatti di razza: ognuno il suo carattere

Il Bengal e il Blu di Russia. Uno vivace e coccolone, l'altro elegante e quieto. Quale scegliere?