sabato , 16 dicembre 2017

Home | Gatti | Razze | Exotic Shorthair: il felino di “velluto”
Exotic-Shorthair

Exotic Shorthair: il felino di “velluto”

Razza: Exotic Shorthair
Origine: America, 1967
Ascendenza: Persiano e American Shorthair
Peso: da 3,5 a 8 kg
Ibridazioni: Persiano
Temperamento: affettuoso, sensibile, calmo, equilibrato

Si tratta di una razza relativamente nuova, creata alla fine degli anni ’50 accoppiando Persiano e American Shorthair, che ha poi rapidamente conquistato il favore di pubblico e allevatori in tutto il mondo. Da questa ibridazione ha ereditato una testa rotonda, nella quale spiccano due occhioni vivi, brillanti e un po’ sporgenti, oltre a corpo, zampe e coda grossi e tozzi. Gli appassionati sostengono che, se nel Persiano l’abito “da sera” può anche nascondere qualche piccola imperfezione, un bell’esemplare di Esotico deve essere perfetto: tondo, brevilineo e muscoloso.

La sua espressione infantile, da tenero orsacchiotto irresistibile, è forse la principale ragione della sua crescente popolarità, insieme alla praticità del mantello corto, che è comunque incredibilmente folto, spesso e vaporoso. Qualcuno lo ha soprannominato “Persiano in minigonna” o “Persiano in pigiama”, perché è di fatto una copia perfetta del più vistoso “cugino” a pelo lungo.

Impegno e cure mediche dell’Exotic Shorthair

Frutto di una selezione operata dall’uomo, è poco adatto alla vita all’aperto e ha bisogno di un ambiente confortevole e ben protetto.

Facile da educare e da gestire, l’Exotic Shorthair è il micio ideale per chi ama il carattere del Persiano, ma non se la sente di affrontare l’impegno quotidiano della sua laboriosa toeletta. Il suo temperamento non ne fa, invece, il soggetto ideale per chi del gatto apprezza soprattutto la natura indipendente, un po’ indomita e selvaggia, per chi cerca la compagnia di un felino molto attivo e vivace, furbo, vigile, abile cacciatore.

Solo gli esemplari colourpoint, portatori del gene himalayano, hanno un carattere un po’ più esuberante. I cuccioli, davvero bellissimi, con la folta pelliccia sfumata e quegli incredibili occhioni blu cielo, sono molto svegli e un po’ monelli, ma crescendo tendono a diventare anche loro piuttosto calmi e tranquilli.

Per la particolare conformazione del naso, i grandi occhi un po’ sporgenti hanno una forte tendenza alla lacrimazione e tutti i giorni devono essere puliti delicatamente, con una garzina o un fazzolettino leggermente imbevuti di camomilla o di acqua tiepida. Come il Persiano, questo gatto è in ogni caso molto docile e si sottopone serenamente a tutte le operazioni di pulizia.

Gli adulti, generalmente dotati di un robusto appetito, tendono a ingrassare e devono quindi essere nutriti in maniera molto equilibrata.

Socialità dell’Exotic Shorthair

Calmo, equilibrato e gentile, è un gatto socievole ed estroverso, facile da educare, un po’ pigro e molto amante del comfort, ma più attivo, curioso e giocherellone del Persiano. Non è mai noioso, miagola poco, ma sa farsi capire benissimo con il suo sguardo espressivo. E’ vivace, ma con  giudizio, e non fa danni in casa. E’ molto dolce e disponibile, legatissimo al padrone, che segue di stanza in stanza come un cagnolino, ma sa aspettare che gli si dedichi attenzione, senza essere invadente.

Nato da una selezione accurata, questo gatto ha un carattere estremamente domestico, calmo e tranquillo, mai aggressivo. Difficilmente si agita e disturba, anche nel periodo del calore. Più giocherellone e intraprendente del “cugino” a pelo lungo, è comunque piuttosto pigro e ha la ferma convinzione che gli umani siano tutti al suo servizio, per evitargli ogni minima fatica. Quando però non può proprio farne a meno, se la cava benissimo anche da solo. È comunque un casalingo nato, che ama le comodità, adora dormire al calduccio su letti, divani e poltrone.

Affettuosissimo, estroverso e socievole, sia con le persone, sia con gli altri gatti e con i cani di casa, è un animale da compagnia davvero eccezionale, dolcissimo con gli anziani e paziente con i bambini, sempre disposto a farsi coccolare e “trastullare”, ha una pazienza infinita. Equilibrato, rilassato, estremamente sensibile, capisce subito se qualcuno ha bisogno di aiuto, perciò viene spesso scelto anche per programmi di pet therapy con bambini e ragazzi disabili, persone ammalate o anziani, tanto che alcuni allevatori hanno deciso di regalare cuccioli o animali adulti, in base alla disponibilità del momento, a qualunque associazione ne faccia richiesta per questo scopo.

Pelo dell’Exotic Shorthair

Il mantello doppio e molto folto va pettinato e spazzolato una o due volte la settimana, più spesso nel periodo della muta, quando si dovrebbe possibilmente fare anche un bagno per rimuovere il fittissimo sottopelo.

Sarebbe anche opportuno abituarlo fin da piccolo al bagno, che va fatto due-quattro volte l’anno, nei periodi di muta (dopo il bagno va sempre asciugato perfettamente, per evitare il pericolo di infreddature).

Di Giulia Settimo (riproduzione vietata)
Foto di Roberto Della Vite