domenica , 20 maggio 2018

Home | Gatti | Curiosità | Musicoterapia per gli animali: i suoni giusti per i gatti

Musicoterapia per gli animali: i suoni giusti per i gatti

Chiunque ascolti la musica sa quanto può essere terapeutica e i ricercatori hanno dimostrato che una buona melodia può avere lo stesso effetto sui gatti. L’unico problema è che ai nostri amici felini le canzoni umane non piacciono.

Nel 2015, per capire se i gatti sono sensibili alla musica, gli scienziati dell’Università del Wisconsin, Madison e dell’Università del Maryland hanno composto la “musica gatto-centrica“.

Abbiamo esaminato le vocalizzazioni naturali dei gatti e abbiamo abbinato la nostra musica alla stessa gamma di frequenze, che è circa un’ottava o più superiore alle voci umane“, ha detto all’epoca l’autore principale Charles Snowdon a Jennifer Viegas per Discovery News.

Nella musica umana il ritmo spesso imita il nostro battito cardiaco. Così per creare la musica dei gatti, il team di ricercatori ha replicato il tempo delle cose che i gatti amano. La musica composta per i nostri amici felini gira alla stessa frequenza delle loro fusa e contiene suoni della natura, rumore di croccantini e, ovviamente, le fusa di una mamma gatta.

E poiché i gatti usano molte frequenze scorrevoli nelle loro chiamate, la musica dei gatti aveva molte più note scorrevoli rispetto alla musica umana“, ha detto Snowdon a Viegas.

La ricerca

Nello studio condotto dalle due Università, le canzoni dei gatti sono state fatte ascoltare a 47 gatti domestici e i ricercatori hanno osservato la loro reazione rispetto a quando hanno ascoltato due canzoni classiche umane: l’Aria in Sol di Johann Sebastian Bach e Elegie di Gabriel Fauré.

Pubblicando sulla rivista Applied Animal Behavioral Science, il team ha riferito che i gatti non hanno avuto alcuna reazione particolare ascoltando la musica umana. Ma quando la musica per gatti è iniziata, si sono eccitati e hanno iniziato ad avvicinarsi agli altoparlanti, sfregandogli spesso le ghiandole odorifere e cercando di rivendicare l’oggetto.

Nonostante la composizione di musica per gatti possa sembrare inutile, la ricerca potrebbe offrire nuovi modi per mantenere i gatti calmi nei rifugi, nelle pensioni e nei centri veterinari. Come hanno scritto i ricercatori nell’articolo del giornale del 2015: “I risultati suggeriscono modi nuovi e più appropriati per usare la musica come arricchimento uditivo per animali non umani“.

Ma al di là degli effetti terapeutici, la ricerca fornisce anche un’affascinante comprensione della specificità delle specie nell’ascolto di diverse melodie. Uno dei co-autori, David Teie, aveva precedentemente dimostrato che anche le scimmie tamarin rispondono in modo diverso alla musica appositamente composta per loro. Il team ora spera che il loro studio fornirà il quadro per comporre melodie per ogni specie.

© Riproduzione riservata