martedì , 17 ottobre 2017
Home | Cani | Comandi di base per il nuovo cucciolo
Comandi di base

Comandi di base per il nuovo cucciolo

Quando arriva un nuovo cane in casa, magari un cucciolo o un cane adottato, una delle cose più importanti e urgenti è insegnargli almeno i comandi di base. Questo può avvenire grazie all’aiuto di un professionista esterno, oppure con molta pazienza, direttamente in casa.

Affidiamoci a un educatore

Certo, il consiglio è quello di rivolgersi a qualcuno che faccia questo come lavoro, soprattutto con razze di cane che hanno bisogno di un polso deciso, oppure che il rapporto gerarchico venga stabilito in modo netto. La nostra opinione è che un sistema gradevole, basato su di un metodo strutturato ma gentile, che favorisca il rinforzo positivo, sia assolutamente l’ideale.

Insegnare i comandi di base

cuccioloServono un po’ di spazio, bocconcini gustosi, qualche giocattolo e nessuna distrazione. A questo punto, possiamo mostrare al nostro cane quello che abbiamo in mano, a patto che sia qualcosa che lui desideri. Magari un bocconcino o un giocattolo. Poi, con un con un gesto della mano in cui abbiamo il suo premio, aiutiamolo a compiere il comando che vogliamo che impari, sia il Vieni, Terra o Seduto.

  • Vieni – Serve per far avvicinare il cane. Lasciamo il cane a un’altra persona. Chiamiamolo pronunciando il suo nome. Quando arriverà, potremo premiarlo.
  • Terra – Ottimo se andiamo in un luogo pubblico e non vogliamo che il cane “disturbi”. Facciamolo accucciare mettendogli il premio tra le zampe anteriori, mentre è in piedi. Per prenderlo, abbasserà la testa fin quasi a sdraiarsi. Pronunciamo chiaramente “Terra” e diamogli il premio.
  • Seduto – Ci serve un posto tranquillo e una bel premio, magari un bocconcino saporito. Non lo spingiamo, è inutile! Basta allungare la mano sopra la sua testa, quella con il premio. Per seguire il movimento e l’odore indietreggerà, fino a quando abbasserà automaticamente il posteriore. A quel punto ripetiamo la parola “seduto” per fargli memorizzare l’accaduto e premiamolo con il bocconcino e le coccole.

Premiamolo ogni volta che esegue l’esercizio, diamogli le sue ricompense, magari qualche carezza e pronunciamo parole gentili. Dopo le prime ripetizioni, quando ormai il nostro amico dovrebbe aver imparato ad associare al suono il movimento, possiamo provare a gratificarlo un pochino di meno, lasciando i bocconcini o il giocattolo solo per gli esercizi più complicati e sostituendo alla ricompensa materiale quella a parole.

Raccontaci la tua esperienza

Hai insegnato i comandi di base al tuo cane, ti sei rivolto a un professionista? Facci sapere come è andata, con un commento qui di seguito, oppure sulla nostra pagina Facebook.

 

 

Immagini da Shutterstock.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA