sabato , 23 settembre 2017
Home | Cani | Razze | Akita Inu: il kamikaze nipponico
Akita Inu

Akita Inu: il kamikaze nipponico

Razza: Akita Inu
Origine: Giappone
Utilizzo: cani da lavoro, utilizzati sia per la guardia che per la caccia
Altezza: altezza al garrese del maschio 64-70 cm, femmina: 58-64 cm
Peso: maschio 34-54 kg, femmina 34-50 kg

Fino al 2009, anno di uscita della pellicola “Hachiko”, l’Akita Inu era una razza sconosciuta alla maggior parte della popolazione europea. Da allora invece, complice anche quell’inconfondibile musetto tenero, la sua fama ha valicato i confini divenendo un vero e proprio simbolo di fedeltà. A differenza di molti altri film che nascondono la vera natura di un cane, Hachiko ha reso popolare un cane non per tutti: l’Akita (Inu vuol semplicemente dire cane) non si può sottomettere, ma va conquistato con pazienza.

Al giorno d’oggi, difficilmente troveremo un Akita combattere contro le fiere del bosco, ma in passato questo cane ha dato ampia prova del suo coraggio e della sua temerarietà. Fin dal XVII secolo, furono infatti addestrati per la caccia agli orsi e al riporto di volatili acquatici sulle montagne del Giappone. Agli inizi del 1900 questa razza ebbe un notevole declino a causa dei continui incroci, effettuati per dare origine a meticci dalle eccellenti qualità combattive. Dal 1600 fino al 1800 era, infatti, impiegato anche per il combattimento, forma di intrattenimento molto popolare e che purtroppo qualche strascico nel suo carattere l’ha lasciato.

Carattere dell’Akita Inu

Non lasciatevi infatti ingannare da quell’aspetto da cucciolo indifeso, perché, fin dai primi mesi di vita, manifesta tutto il suo carattere: fiero, indipendente, dominante e solitario. Tutte caratteristiche che non stridono, anzi pacificamente convivono, con il suo affettuoso e straordinario attaccamento al padrone e all’intero nucleo familiare, che tende a proteggere contro coloro che avverte come nemici o estranei.

La sua autostima è enorme, quindi da subito bisogna usare con lui tutto il tatto che si possiede: offenderlo significherebbe chiudere i rapporti per sempre.

L’Akita Inu non è un cane socievole con gli altri animali, e soprattutto con i consessi non è mai molto “gentile”, a meno che siano molto piccoli e che quindi decida di non prenderli proprio nemmeno in considerazione.

Essendo comunque selezionato da un popolo come quello nipponico, resta un cane dall’atteggiamento particolare: come i giapponesi, non ama il contatto fisico, l’essere inutilmente rumoroso. Tranquillo e ubbidiente con il padrone, docile con i bambini, è estremamente intelligente e molto servizievole, ama moltissimo giocare ed è un ottimo cane da guardia.

Aspetto generale dell’Akita Inu

Di media taglia, mesomorfo, mesocefalo. È un cane di forte costruzione, con ossatura robusta e corpo ben proporzionato. Le sue più evidenti caratteristiche sono la potenza e la dignità.

Presenta una muscolatura tonica e scattante: è un cane massiccio, con corporatura grande e un aspetto che mette anche un po’ di soggezione tanto è altero. Non è certo il cane che per strada ti vien voglia di stropicciar di coccole… ma sicuramente nemmeno quello che non cattura uno sguardo di ammirazione.

Se ti è piaciuta questa anteprima, acquista il DVD completo sulla tua razza preferita su www.runshop.it!

 

Testo di Sofia Golden (Riproduzione vietata)

Foto ©PardoY/Shutterstock

Video Runshop