mercoledì , 28 giugno 2017
Home | Cani | Razze | Pastore Bergamasco: berg-A-rasta
pastore-bergamasco

Pastore Bergamasco: berg-A-rasta

Razza: Pastore Bergamasco
Origine: Alpi italiane (Bergamo)
Impiego: Cane da pastore
Taglia: l’altezza al garrese nel maschio è di 60 cm; nella femmina di 56 cm.
Peso: maschio 32-38 kg; femmina 26-32 kg
Aspetto generale: è un cane sano, rustico, robusto, media mole, di forte costruzione ed eccellenti proporzioni.

Ovvero il Bob Marley della bergamasca. L’aspetto è inconfondibile, eppure pochi lo riconoscono a causa della sua scarsa popolarità. Versatilissimo, il Pastore Bergamasco si presta a una molteplicità di compiti: da buon guardiano, è un fantastico baby sitter.

È un cane assolutamente armonico e funzionale, ma il mantello gli dona un aspetto buffo: quando si scuote sembra un puntaspilli, a volte si fa fatica a distinguere la testa dalla groppa, e quando guarda dal basso verso l’alto, da dietro quel grande ciuffo che gli ricade sugli occhi, fa sorridere anche il più distratto osservatore…

Carattere del Pastore Bergamasco

Il Pastore Bergamasco è  un cane frugale, dotato di gran pazienza e di buon carattere, docile anche se, sapendo il fatto suo, è molto determinato. E’ equilibrato, ubbidiente, sensibile e molto versatile. Facilità di apprendimento e pazienza ne fanno un cane adatto agli impieghi più svariati. È un ottimo compagno/guardiano per i bambini. Anche se molto protettivo non è mai aggressivo benché sia un ottimo guardiano della casa.

Da buon cane pastore quale è, il Pastore Bergamsco è un animale forte e resistente (per affrontare i climi rigidi dell’inverno e torridi dell’estate), con una spiccata personalità (per farsi rispettare dal gregge), coraggioso (per difenderlo da lupi e altri predatori malintenzionati), dotato di iniziativa (per lavorare in autonomia e saper prendere decisioni, non solo ubbidire), dal carattere solitario, ma al contempo molto ubbidiente e anche di compagnia.

La sua pazienza e il suo equilibrio lo rendono anche un ottimo pet therapist accanto ai meno fortunati. Per lui la ricongiunzione di ogni membro della famiglia è fondamentale, e uno dei momenti più appaganti della sua giornata pare essere la sera, quando ci si trova tutti intorno alla tavola.

Mantello del Pastore Bergamasco

I colori comprendono tutte le gradazioni dal nero (non lucido) al grigio, anche a macchie. Il pelo è molto abbondante, lungo e diversificato: di tessitura ruvida sulla metà anteriore del tronco, lanoso a bioccoli sulla restante metà.

E chi crede che il suo singolare mantello richieda cure o attenzioni particolari, si sbaglia perché ha una manutenzione semplicissima: senza far praticamente nulla il pelo cresce e va ad “annodarsi”, a formare quei caratteristici dread che piacciono tanto.

Cure e salute

La sua semplice gestione deve molto anche alla sua salute, al fatto che la razza sia forte e rustica, selezionata dai pastori, che non son certo gente che va per il sottile: affezionati e devoti ai loro cani, pretendono tuttavia che questi abbiano spiccate qualità naturali, che non possono certo esprimersi se non attraverso un fisico forte.

Da buon lavoratore ha bisogno di stimoli, di riconoscersi compagno dell’uomo con un compito ben preciso; le sue preziose doti fanno poi il resto, trasformandolo in un atleta di successo, oppure membro di un’efficiente unità cinofila tra le fila della Protezione Civile, dove il suo potente fiuto sarà messo al servizio della collettività.

E se il fascino del mantello non bastasse, se la preziosità del suo carattere non fosse sufficiente… a tutto si aggiunga che non perde pelo e che, seppur abbia bisogno di un branco con cui vivere e sia molto attaccato alla sua famiglia, a dispetto di molti altri cani che ne soffrirebbero, lui non necessariamente deve dormire in casa.

Di Sofia Golden (Riproduzione vietata)

Foto © Allevamento di Valle Scrivia

 

Potrebbe interessarti

Treibball

Treibball: quando i cani giocano a pallone

Uno splendido gioco, il Treibball, per cani energici e cani pastore