martedì , 23 maggio 2017
Home | Cani | Razze | Cane Corso: l’ultimo italiano
Il-cane-corso

Cane Corso: l’ultimo italiano

Razza: Cane Corso
Origine: Italia
Impiego: utilità e difesa, compagnia
Taglia: i maschi da 65 a 68 cm; le femmine da 62 a 65 cm
Peso: maschi da 47 a 53 kg; femmine da 40 a 46 kg

Qualcuno equivoca il suo nome e ne attribuisce le origini all’isola francese, ma il Cane Corso è un italiano Doc, discendente diretto degli antichi molossi romani, l’ultima delle razze italiane riconosciute in tutto il mondo. Lui c’è sempre stato: era nelle masserie a fare la guardia, accanto all’uomo.

Carattere del Cane Corso

Il Cane Corso è dolce, equilibrato e sensibile, coraggioso e leale. Non è nervoso, non è timido, non è competitivo: è un cane sereno e che mette serenità. Convive bene con altri animali e non ha particolari esigenze di spazio. Infatti, nonostante la mole, per starci accanto sa farsi piccino.

È docile e addestrabile, tanto che non richiede un padrone di troppo polso: non ce n’è bisogno perché ubbidisce subito, non appena ha capito il suo ruolo all’interno della famiglia e le regole della buona convivenza. L’unica cosa che gli allevatori consigliano è un corso di educazione di base a chi fosse proprio alle prime armi.

La forza che ha il cane rappresenta un potenziale pericolo solo se venisse gestito con scelleratezza o se avesse avuto esperienze particolarmente traumatiche. Soggetti allevati con amore e selezionati con cura sono la miglior garanzia di un lungo e soddisfacente sodalizio.

È molto sensibile, quindi sa valutare le situazioni e dare dimostrazione di grande pazienza con bambini, anziani e anche disabili: non per niente partecipa molto spesso nei programmi di pet therapy. È, in una parola, affidabile. E ciò fa di lui oggi uno dei molossi più apprezzati.

Mantello del Cane Corso

Il pelo del Cane Corso è corto, liscio, lucido e aderente; fitto, con un lieve strato di sottopelo che si accentua d’inverno. Sul muso il pelo è più corto. Di colore nero, grigio piombo, ardesia, grigio chiaro, fulvo chiaro, fulvo cervo, fulvo scuro e tigrato (tigrature su fondo fulvo o grigio di varie gradazioni). Nei soggetti fulvi e tigrati è presente una maschera nera o grigia la cui estensione è limitata al muso e non deve superare la linea degli occhi. Ammessa una piccola chiazza bianca al petto, alla punta dei piedi e alla canna nasale.

Cure del Cane Corso

Il Cane Corso non ha bisogno di particolari cure. Il fisico forte e robusto, il mantello corto, l’assenza di rughe (che potrebbero portare accumulo di sporcizia) e una struttura agile rendono la gestione del Cane Corso assolutamente semplice.

Non ha bisogno di sfogarsi, quindi di fare corse all’aperto. Anche se ama abbastanza le passeggiate, non disdegna però lunghi sonnellini, quindi la gestione quotidiana è semplice.

È un cane versatile, che sa adattarsi a una molteplicità di situazioni e che ha poche pretese: buon cibo – importante soprattutto durante la delicata fase della crescita – un padrone e una casa da proteggere e dalla quale ricevere amore.

 

Di Sofia Golden (Riproduzione vietata)

Foto di Roberto Della Vite e dell’allevamento Rosso Malpelo

Potrebbe interessarti

Cani e musica

Cani e musica, ognuno la sua

Un gioco: associamo il nostro cane ad una musica, un compositore, un brano e vediamo dove ci porta la melodia.