venerdì , 29 luglio 2016
Home | Attualità | CANI E GATTI AL CINEMA

CANI E GATTI AL CINEMA

Chi l’avrebbe mai detto che un giorno saremmo potuti andare al cinema con i nostri migliori amici a quattro zampe

Ebbene, ad Ovada, un paesino in provincia di Alessandria (Piemonte) questo sogno è diventato realtà! A riportarlo è Funweek.it. Come se niente fosse, gli amanti del grande schermo possono infatti entrare accompagnati dai loro cuccioli – cagnolini o gattini che sia – e godersi il film senza preocupparsi di lasciarli troppo soli o di non farli uscire spesso!

Addirittura gli animali che finalmente possono stare accoccolati sulle gambe dei loro padroni, entrano gratis!
E poco importa se al posto dei pop corn ancora non si sono attrezzati con i croccantini per sfamare anche le bocche più esigenti, la proposta è piaciuta a tutti.

L’iniziativa, infatti, è stata accolta da tutto il paese con grande entusiasmo: dopo le spiagge, gli hotel e i negozi ora, anche i cinema sono a misura dei migliori amici dell’uomo, ma occhio a rispettare qualche semplice regola.

Perchè la convivenza tra cani e gatti sia pacifica e silenziosa, i padroni devono seguire alcuni accorgimenti come tenere puliti gli animali e non farli abbaiare o miagolare; per il resto, i posti sono assegnati intelligentemente dai gestori, consapevoli che ognuno ha le proprie esigenze.  
Ma tranquilli, c’è abbastanza spazio per tutti!

L’assessore alla cultura di Ovada spiega: “La struttura è da molto tempo in gestione alle sorelle Dardani che, essendo grandi amanti degli animali, hanno chiesto alla giunta se potevano fare entrare alcuni cani assieme ai proprietari che non avevano cuore di lasciarli a casa tutta sera. Come giunta, conoscendo bene l’affidabilità dei gestori, abbiamo appoggiato l’iniziativa e, tutti i controlli eseguiti dall’USL hanno sempre dato esito soddisfacente, dal punto di vista igienico

Insomma, chissà e in futuro saranno ammessi anche criceti, tartarughe o pesci rossi. Intanto questo è proprio il caso in cui confondersi tra le parole ‘cinefilo’ e ‘cinofilo’ non è poi tanto sbagliato.